Intervista a FABIO CARONE

DOMANDA: FABIO PARLACI DEL TUO APPROCCIO AGLI SPORT DA COMBATTIMENTO.
RISPOSTA: AVEVO 12 ANNI , MIA MADRE DOPO TANTISSIME RICHIESTE DA PARTE MIA, MI ISCRISSE IN UNA PALESTRA DOVE PRATICAVANO KARATE-CONTACT. IO ERO UN GRANDE FANS DI BRUCE LEE E PER ME PRATICARE UN ARTE MARZIALE ERA FANTASTICO.

DOMANDA: E POI?
RISPOSTA: COMINCIAI A PRATICARE SEMI CONTACT ASSAPORANDO PIAN PIANO IL FULL CONTACT PER POI PASSARE ALLA LOW KICK ED ALLA THAY BOXE.


DOMANDA: QUAL'E' IL TUO STILE PREFERITO?
RISPOSTA: QUELLO CHE PIU' SI AVVICINA ALLA REALTA' DELLA STRADA QUINDI NON DI CERTO UN ARTE MARZIALE COME IL KARATE O LO JUDO MA BENSI' ADORO LA COMPLETEZZA DELLA THAY E DEL FREE FIGHT.


DOMANDA: ADESSO DI CHE COSA TI OCCUPI?
RISPOSTA: ATTUALMENTE SONO IL DIRETTORE TECNICO DELL'AISCOMBAT, UNA FEDERAZIONE CHE STA' GRADUALMENTE PRENDENDO PIEDE SPECIALMENTE IN MERIDIONE.
IN CAMPO INTERNAZIONALE SONO IL RAPPRESENTANTE UNICO PER L'ITALIA DELLA W.P.K.A. E DELLA W.A.K.F. DUE DELLE PIU' PRESTIGIOSE SIGLE MONDIALI.


DOMANDA: GRAZIE ALLA TUA ESPERIENZA NEI VARI AGGIORNAMENTI CHE FAI CON I PIU' GRANDI MAESTRI DI SPORT DA COMBATTIMENTO, SAPRESTI INDICARCENE UNO E PERCHE'?
RISPOSTA: FARE SOLO UN NOME SIGNIFICHEREBBE PARLARE DI UNA PERSONA CHE NON ESISTE, PERCHE' DA TUTTI HO APPRESO QUALCOSA. TUTTAVIA SONO RIMASTO FORTEMENTE IMPRESSIONATO DALLA CAPACITA' DI CALCIARE DI BILLY "SUPERFOOT" WALLACE E DALLA PEDAGOGIA DEL MIO AMICO DIDIER LEBORGNE.

DOMANDA: NONOSTANTE I TUOI IMPEGNI FEDERALI, TROVI IL TEMPO PER ALLENARTI SERIAMENTE?
RISPOSTA: E' UN PO' DIFFICILE VISTO CHE HO ANCHE AVUTO UN GRAVE INFORTUNIO AL GINOCCHIO E DIRIGO UNA PALESTRA CON TANTISSIMI ATLETI DI CUI BUONA PARTE SONO AGONISTI.
NONOSTANTE CIO' TI CONFIDO CHE APPENA CE NE SARA' L'OCCASIONE MI RIVEDRETE NUOVAMENTE SUL RING. CIAO E…… SU LA GUARDIA A TUTTI.

website