L'incontro con Lewis si terra` ad Atlanta

Tyson ottiene la licenza

Il permesso di combattere rifiutato al pugile dal Nevada, viene concesso dalla Georgia

 

Londra, Gran Bretagna, 13 febbraio 2002

Potrebbe finalmente aver trovato una sede l'atteso match tra il campione del mondo dei pesi massimi, Lennox Lewis, e Mike Tyson: ad Atlanta, in giugno, grazie alla concessione di una licenza per combattere in Georgia accordata dalle autorita' sportive locali al discusso ex "Iron Mike".

Lo ha riferito alla radio dell'emittente britannica "BBC" un portavoce della commissione pugilistica dello stato USA. "Il manager del signor Tyson, Shelly Finkel, ha contattato il mio ufficio e ha chiesto se fossi disposto a mandargli un modulo per inoltrare domanda di licenza, che lui avrebbe poi dato da riempire al signor Tyson", ha raccontato il portavoce. "Ho risposto di si', certo, e quindi gliel'ho inviato. Il signor Tyson l'ha compilato, mi hanno mandato anche i certificati medici prescritti, mi hanno mandato pure il denaro. noi allora abbiamo rilasciato la licenza".

A questo punto dovrebbe cadere l'ostacolo principale all'incontro, in origine previsto per aprile a Las Vegas ma saltato a causa del divieto di salire sul ring opposto a Tyson dalla commissione atletica del Nevada; il provvedimento era stato provocato dall'ennesima intemperanza dell'ex campione iridato dei massimi, che durante la conferenza stampa di presentazione aveva aggredito Lewis e, a ha detta di questi, lo avrebbe addirittura morso: come gia' fece a suo tempo con George Foreman.

Al quotidiano "atlanta Journal-constitution", pero`, Gary Shaw, titolare della societa' "Main Events" che promuove i match di Lewis, ha dichiarato di non saperne nulla: "Chi lo sa?" Ha aggiunto Shaw. "Atlanta potrebbe anche non dover competere con nessuno, dipende dall'eventuale presentazione di un'offerta e dal suo ammontare...". In una intervista a un altro giornale, "USA Today", lo stesso promoter tuttavia ha riferito che il "Georgia Dome", situato proprio nella citta' di "Via col Vento", avrebbe avanzato per l'affitto delle sue strutture una richiesta di 13 milioni di dollari; avrebbe pure prospettato per l'incontro la data indicativa dell'8 giugno.

Frank Maloney, gia' manager di Lewis, a sua volta ha commentato che il rilascio della licenza a Tyson, per molti versi potenzialmente foriero di grane, si spiegherebbe con la volonta' dei responsabili pugilistici della Georgia di inserirsi nel circuito della grande boxe. "Ovviamente e' una questione di soldi", spiega sul sito Internet "Sky Sports" Maloney. "Alla boxe lo stato e' sconosciuto, non vi si sono tenuti molti importanti combattimenti a parte uno di Evander Holyfield".


 

torna