I Kick- e Thaiboxer aiutano a costruire un asilo a Deshe (Palestina).

Come ex professionista, come allenatore, come promoter ma soprattutto come uomo chiedo a tutti voi un piccolo aiuto per un grande progetto. La nostra scuderia insieme alle mie promotions appoggiano un gruppo di volontari, aiutandoli nella realizzazione di una scuola materna nel villaggio di Deshe in Palestina. Il mio desiderio è quello di annullare i mille pregiudizi che assillano tutti noi: niente pregiudizi "politici", vanno aiutati tutti quelli che si trovano in una situazione belligerante (in particolare modo se si tratta di bambini). E chi più di noi kick/thaiboxer capiscono una situazione del genere? Quante volte ci sbattono la porta in faccia, perchè abbiamo scelto una disciplina "violenta"? Ne so qualcosa dopo ventiquattro anni di attività. Stop ai pregiudizi = stop all'ignoranza. Io vi segnalo il conto corrente di questo gruppo: progetto "Don Bosco - Betlemme" indicando i nominativi: Runggaldier - Moretti - Callegarin c/c 929000 ABI 6045 CAB 11606 (Cassa di Risparmio di Bolzano SpA - Fil. Via Resia). Inoltre con un versamento da 10,00 Euro in su, e presentando la ricevuta bancaria alla cassa, si è ospiti a bordo ring di KICKBOXING EVENT 5, del 28 settembre p.v., a Bolzano, Palasport in via Resia, inizio ore 20.30.
Io desidero veramente abbattere i pregiudizi. E sono sicuro che il cuore di un fighter è proprio il cuore che risponde ad un messaggio di solidarietà. Si vince sempre con la "forza", questa volta con quella del cuore.
Grazie!