KINGS OF THE RING

Per guardarli clicca due volte su VIDEO, mentre per scaricarli cliccaci sopra col pulsante di destra e "Salva oggetto"

Apertura
Presentazione
Armando
Polverini in azione
Arpili
Ragni-Mery-Carli
Matteo Schiacca
Red Valli
Zambidis Vincitore di questa edizione

clicca sulla foto per vedere gli ingrandimenti

Una cornice di oltre duemila persone ha applaudito domenica sera al Palasport Flaminio "MegaKickBoxing KINGS OF THE RING", lo spettacolo di sport da combattimento, arti marziali e cabaret organizzato dal pluri campione mondiale Davide Carli. La formula del torneo a eliminazione diretta è stata, ancora una volta, apprezzata da tutti. Infatti i super campioni partecipanti hanno dato vita a incontri emozionanti e senza la benché minima tregua. Non sono stati da meno i beniamini di casa del Warriors Team, Cristian "RED" Valli e Ivan Polverini, che hanno fatto letteralmente infuocare tutto il pubblico riminese. Purtroppo il risultato di 1 - 1 per il team giallo-nero ha deluso un po' le aspettative. Simpaticissimo anche l'intervento del cabaret con Roberto De Marchi che con qualche risata ha spezzato la tensione dei match.
In occasione di questa manifestazione, Davide Carli all'interno del Palasport Flaminio ha creato un palcoscenico, stile Las Vegas, veramente d'effetto. Infatti il pubblico si è stupito nel vedere la coreografia creata da: giochi di luci e fumo, pedane rialzate dove atleti e "veline" sfilavano fino sopra il ring, salotti orientali ornati con palme, ecc.
Appena dopo la presentazione degli atleti sopra il ring, il gala è partito subito con i quarti di finale del torneo.
Nel primo match della prima pool, il campione mondiale WKN Peter Polak (Repubblica Ceca), si è imposto ai punti sul campione europeo Mouhamed Bourkhis (Francia). Gli atleti hanno combattuto senza esclusione di colpi mantenendo sempre un ritmo elevatissimo.
Continuando sempre con la prima pool, il secondo incontro è stato disputato tra il campione intercontinentale WMC Petr Heneš (Repubblica Ceca), e il vincitore Champions Leauge WPKL Alviar Lima (Olanda). Quest'ultimo però ha superato il turno senza grosse difficoltà, spedendo al tappeto l'avversario alla seconda ripresa con una serie di ginocchiate.
Entrando nella seconda pool, il primo turno è toccato al vincitore delle qualificazioni del K1 Michalis Zambidis (Grecia) che ha steso al primo round con un gancio destro il campione Europeo WAKO PRO Bakari Tounkara (Francia). L'ultimo incontro dei quarti di finale è toccato a l'unico italiano presente nel torneo. Infatti il palermitano campione mondiale WKA, WMTA, WPKC Matteo Sciacca ha incrociato i guantoni con il croato Goran Borovic (campione mondiale FIBF). L'incontro è stato molto tecnico ed emozionante. Dopo una prima ripresa equilibrata il palermitano si è scatenato mandando al tappeto con un preciso diretto destro il croato, ma il gong l'ha salvato dal ko. Nella terza ripresa Matteo Sciacca ha gestito al meglio il vantaggio e le energie per i prossimi match. La vittoria dell'italiano è stata proclamata tra gli applausi del pubblico. A questo punto tutti gli atleti che hanno superato questa fase sono arrivati in semi finale. Prima di riprendere con il torneo, il programma della manifestazione è continuato con l'incontro tra il riminese del Warriors Team Cristian "RED" Valli è il vincitore del torneo di MegaKickBoxing Tournament-1 Mario Princ (Croato). Entrambi gli atleti sono subito partiti al massimo dando vita ad scambi tecnici veramente ammirevoli. Alla seconda ripresa il riminese riesce a spedire al tappeto ben due volte il transalpino. Ma purtroppo all'ultimo round il riminese ha avuto un notevole calo fisco, compromettendo così il risultato di vittoria che ormai tutti pensavano fosse scontato. "Ancora non sono riuscito a riequilibrare l'anemia che ho - racconta Cristian Valli - e combattere quando non ti senti più le forze è veramente difficile. Comunque anche se in "apnea", non ho mollato. L'ho fatto per il mio allenatore Davide Carli e per tutti gli amici che hanno pagato il biglietto ed era giusto che vedessero fino alla fine confronto. Anche se devo ammettere che Mario Princ è fortissimo, prima curo bene l'anemia e poi lo rivoglio affrontare e stavolta sarà lui a far fatica a finire il match. E' una promessa!!!". Riprendendo con le semifinali del torneo, sono saliti sul ring Peter Polak e Alviar Lima. Sicuramente questo è stato uno dei match più combattuti della serata e meritatamente ha passato il turno Peter Polak con una vittoria arrivata ai punti. Poi l'ultimo match delle semifinali e sicuramente uno dei più interessanti, è stato quello tra Matteo Sciacca e l'agguerrito Michalis Zambidis. L'italiano è stato l'unico avversario che nel torneo è riuscito a tenere testa al potentissimo greco, ma i danni alla gamba sinistra, accumulati nel primo incontro l'hanno costretto alla resa l'italiano, già alla fine del secondo round. Il turno ora è toccato all'altro beniamino di casa Ivan Polverini (campione intercontinentale) che è salito sopra il ring con il croato Marin Gracanin. L'incontro è stato combattutissimo e con scambi di fuco che hanno veramente emozionato il pubblico riminese. Il livello tecnico di braccia era molto simile ed equilibrato, ma la differenza per l'atleta del team giallo-nero l'hanno fatta le tecniche di gamba. Al suono del gong la vittoria è andata giustamente al "guerriero" di casa. "Non sono contentissimo della mia prestazione - racconta Ivan Polverini - intendo allenarmi molto di più e meglio, in modo da riuscire a fare match di qualità migliore. Anzi, se e quando il mio allenatore Davide Carli sarà d'accordo, voglio arrivare ad essere uno dei partecipanti al prossimo torneo KINGS OF THE RING". A questo punto entriamo nel clou assoluto con la finalissima che aggiudicherà l'ambito titolo KINGS OF THE RING. Quindi sono arrivati alla fine del "gioco" il greco Michalis Zambidis e il ceco Peter Polak. Quest'ultimo è partito subito alla grande cercando di incalzare con continue combinazioni l'avversario. Ma la mobilità di Michalis Zambidis gli ha permesso sempre di schivare gli attacchi, anzi con un tempismo perfetto è riuscito ha incrociare Peter Polak con un gancio sinistro che gli ha fatto letteralmente spegnere le lucine. Inevitabile l'intervento del medico Valerio Tulio Mazza che in pochi minuti ha fatto riprendere conoscenza al malcapitato. Quindi la vittoria del torneo e di conseguenza il montepremi di 9.200 euro è andato al greco Michalis Zambidis. "Questa volta ho visto un pubblico molto soddisfatto - racconta Davide Carli - per me questa è la soddisfazione più grossa che può esistere. Quindi alla fine di tutto sono contento, anche se la fatica a organizzare un evento di questo rilievo è veramente "spaziale". Anzi devo ringraziare tutte le persone della mia palestra Thai Gym & Fitness che hanno contribuito ai lavori. E un ringraziamento particolare più che giusto e doveroso va a una manciata di persone che hanno lavorato con ruoli fondamentali e senza sosta dietro le quinte: Andrea Arpili, Andrea Dandes, Francesco Fazi, Fabio Coppola e Lorenzo Tura. Per novembre spero di riuscire a racimolare nuovi sponsor per riproporre di nuovo KINGS OF THE RING ".

in collaborazione con Davide Carli

Pubblicato venerdi 16/05/2002 ore 22:50 statidtiche per gli sponsors

Powered by counter.bloke.com