Stage con André Mannaart: uno dei protagonisti della storia della Kickboxing

di Alessio Smeriglio

Venerdì 17 gennaio ho avuto il piacere nonché l'onore di ospitare uno dei grandi atleti della storia degli sport da ring, sto parlando dell'olandese che più volte abbiamo visto nei galà italiani, prima come atleta e da qualche tempo anche come coach, il mitico André Mannaart, campione di Kick e Thai ma anche di modestia. A chi lo chiamava Campione, lui rispondeva "...Ex Campione!", perché nonostante si sia ritirato imbattuto e con la cintura sulla vita, ormai si è ritirato, e non può dire più di essere il Campione del Mondo, al contrario di chi, ancora oggi, dopo aver vinto dei titoli mondiali, a volte discutibili, continua a definirsi tale.
Non era a Roma per turismo, ma impegnato in uno dei suoi numerosi "viaggi di lavoro", era nella capitale per tenere dei seminari organizzati dalla Shark & Pirate Promotion. Non è stato facile riuscire a trovare le date per farlo scendere dall'Olanda, infatti le sue numerose trasferte lo portano spesso all'estero per accompagnare, i suoi atleti. Infatti da ormai qualche è succeduto a Jan Plaas alla guida della Mejiro Gym. Si la mitica palestra dove si sono allenati, e in alcuni casi si allenano ancora, vere e proprie leggende del ring, Fred Royers, Rob Kaman, Leo de Snoo e molti altri ancora.
Parlare con lui è stato come sfogliare "Il libro della storia della Kickboxing e della Thai Boxe", se si considera che è dal 1983 che frequenta questo ambiente, conoscendone tutte le persone che contano. Numerosi sono stati gli aneddoti raccontati su atleti famosi o su manifestazioni importanti, che solo una persona che vive da vicino questi fatti può sapere.
Il sabato 18 e la domenica 19 si sono svolti tre stages, ai quali hanno partecipato circa 200 persone che hanno affollato le sale del New Hobby Club e dell'Excalibur. Non ha mostrato nessuna tecnica strabiliante o colpo segreto, ma ha posto l'accento su quelle che tecniche di base che a volte vengono trascurate, ma che sono fondamentali per un atleta. Nelle combinazioni che sono state spiegate, come lui stesso ha più volte sottolineato, c'era molto del famoso "Mejiro Gym Style", un modo di combattere inconfondibile, che caratterizza tutti gli atleti di questa mitica palestra. Ciò che ha contraddistinto questa serie di seminari è stata la semplicità con la quale sono state spiegate le tecniche, analizzando in ogni suo aspetto sempre sia la fase difensiva che quella d'attacco, cercando sempre di combattere non solo con la forza, la potenza, ma soprattutto con la tecnica e con la scaltrezza, la furbizia, insomma usando la testa.
L'esperienza tratta da questi tre stages con lui è stata sicuramente molta, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche sotto il profilo umano. Dando dimostrazione di umiltà e di modestia, non ponendosi sul piedistallo del campione o del maestro intoccabile, come spesso accade, ma cercando soprattutto di stabilire un buon rapporto con chi era venuto per assistere alle sue lezioni. Sperando che tutti gli amici, arrivati da fuori Roma, leggasi Firenze, Parma, Urbino, Salerno, Viterbo, Frosinone, ecc., abbiano tratto dei buoni insegnamenti da questi stages, colgo l'occasione per salutarli e di ringraziare le palestre che ci hanno ospitato: il New Hobby Club (Via B. Michelotti 1, Roma) e l'Excalibur Club (Via Assisi 99, Roma).


Mi raccomando non mancate il prossimo appuntamento organizzato dalla Shark & Pirate, sto parlando della MUAY THAI CHAMPIONS LEAGUE, che si terrà a Roma il prossimo 29 Marzo, al Palazzetto dello sport di viale Tiziano, con incontri fra i più forti atleti europei nella categoria dei -72,5 Kg.. Per saperne di più chiamare i numeri: 3338.222.60.60 - 348.92.88.485 oppure visitate il sito: www.sportdacombattimento.com

utenti connessi in questa pagina: