<%@LANGUAGE = VBScript%> palestre bologna bologna bolognesi

lunedi 16 Maggio 2006
Cerca nel sito 
Vai al catalogo prodotti
Home page
Vuoi un sito?
Affitasi ring
Collabora
Pubblicità
@ Commerce

Home >Articoli pubblicati >Tyson il ritorno

Numero di utenti collegati a Megathai: clicca

    Tyson

 
 
 
 

Ultima sfida di Tyson. In gabbia

L'ex campione dei massimi arbitrerà sabato in Inghilterra il Mondiale di cage fighting, specialità violenta che unisce wrestling, boxe, arti marziali e si svolge su un ring con le sbarre
Mike Tyson, 39, ex iridato dei massimi. ArchivioLONDRA (Inghilterra), 13 marzo 2006 - Mike Tyson finisce in gabbia, ma stavolta le sbarre del carcere c'entrano poco. Non finisce di sorprendere l'ex campione dei massimi, che tra denunce e ritorni senza gloria sul ring, è riuscito a disegnarsi una nuova vita: l'ennesima per il pugile americano. Appesi i guantoni al chiodo Tyson torna ancora sul quadrato ma nelle vesti di arbitro del campionato mondiale di cage fighting, combattimenti in gabbia per l'appunto. Sabato prossimo l'ex campione arbitrerà la finale del World Cage Fighting Championship, una violentissima disciplina, nata nei primi anni '90 negli Stati Uniti e conosciuta anche come Mixed Martial Arts (MMA) o No Holds Barred (NHB), che unisce tecniche di lotta di wrestling, boxe e varie arti marziali.
Alla Men Arena di Manchester si affronteranno 20 lottatori di valore mondiale, sui quali avrà il compito di vigilare Iron Mike per il rispetto delle uniche tre regole che disciplinano questo sport: vietati i morsi, le testate e le dita negli occhi. "Credo che sia lo sport adatto per il pubblico britannico che trovo estremamente aggressivo - ha dichiarato al Guardian Tyson - diversamente dalla boxe, dove i guanti proteggono i due pugili, questo tipo di combattimento è fondamentalmente ossa contro ossa, quindi sarà facile assistere a tanto sangue e ossa rotte". Proibito nella maggior parte degli Stati americani, il cage fighting rappresenta una novità in Gran Bretagna.
"Sono molto stupito che nel Regno Unito questa disciplina non sia ancora così popolare - ha dichiarato Tyson, che in questi giorni si trova a Las Vegas per completare il suo apprendistato come arbitro - anche se si tratta di uno sport violento, bisogna capire che siamo uomini adulti che non abbiamo una pistola puntata alla testa". Tyson, 40 anni il prossimo 30 giugno, è stato uno dei massimi pugili di tutti i tempi. Miscela unica di cattiveria, aggressività e potenza, conquista la corona mondiale dei pesi massimi a soli 20 anni: un record che lo consacra come il campione più giovane della storia.
Ebbe numerosi problemi con la giustizia. Condanne per stupro, divorzi e battaglie legali con il suo manager Don King lo allontanano sempre più dal ring. Nel 1996 torna in cima al mondo conquistando la corona dei Wba ai danni di Brice Seldon, ma un anno più tardi Evander Holyfield gli impartisce la lezione più severa. Nel 1997, nel corso della rivincita, stacca parte dell'orecchio di Holyfield: per tutti diventa il cannibale, la federazione internazionale lo squalifica per due anni. Ad inizio del 2000 cerca una faticosa quanto improbabile resurrezione sportiva, bruscamente interrotta dal modesto Kevin McBridge, che nel 2005 lo manda al tappeto alla settima ripresa. È la fine. Ora torna alla cronaca per il cage fighting.

 

 
 
Megathai online
   
Iscriviti nella piu' grande comunita' di sport da contatto!
Iscriviti sms >
Iscriviti e-mail>
   

Articoli storici


Copyright Megathai 2005 -2009