lunedi 16 settembre 2005
Cerca nel sito 
Vai al catalogo prodotti
Home page
Vuoi un sito?
Affitasi ring
Collabora
Pubblicità
@ Commerce

Home >Articoli pubblicati > Pugilato By boxe M.

    Solo Pugilato

 

Arbitri?



Nell’occhio del ciclone come al solito gli arbitri , accusati di essere troppo accondiscendenti nei giudizi con gli atleti russi . Dopo qualche giorno , messi a riposo alcuni elementi di questa categoria , le cose sono addirittura peggiorate . Segno evidente che il problema sta nel “ manico ”. Come dice Gennarino : ” si continua a percuotere la “sella” perché non si può picchiare il cavallo !”. Nulla di nuovo sotto il sole . In realta’ è successo che dopo alcuni scorse , giudicati troppo “bassi” e dopo alcune “ espulsioni sommarie ” , gli arbitri , hanno cominciato a segnare tutto , anche le …”intenzioni” per salvare la loro “permanenza” nel torneo . Questo dimostra le “capacità” di chi guida questa categoria . Si stigmatizza un comportamento in modo drastico senza valutarne le conseguenze . Insistiamo fermamente sperando che qualcuno ci dia retta : la commissione arbitri deve essere guidata da un “tecnico” non da un “politico” . I “ voti ” e le “ amicizie ” non fanno competenza : e’ dimostrato ! Il tecnico francese Nato , ha sparato a zero su tutti i vertici presenti a Tallin , attribuendo alla “ perdita di potere ” del bulgaro Jetchev , nei confronti del presidente russo Hussanov ( candidato alla presidenza dell’EABA che cerca in maniera decisa a dare la scalata anche all’AIBA ) , lo stato della situazione . “ Ormai e’ tutto un sussiego nei confronti del nuovo “czar” e tra i più sensibili ci sono proprio gli arbitri ”. Questa l’analisi di Nato , non molto lontana dalla verita’ . Ci chiediamo quali garanzie potranno essere fornite agli atleti per rassicurarli sulla giustezza dei sacrifici ai quali si sottopongono , se poi devono essere “truffati ” in questo modo . Abbiamo sempre davanti agli occhi la sconfortante delusione che traspariva dal viso del povero rumeno Marian Simion , che avrebbe dovuto “ uccidere ” il suo avversario per vincere il match di Atene con l’egiziano. Una vergogna che l’atleta, un campione autentico e vero, ha pagato con il ritiro per “nausea” dall’attivita’ . E’ profondamente ingiusto tutto questo! Si priva la boxe di un grande campione per i “giochi ” sporchi di alcuni ipocriti mascalzoni che hanno pure la faccia tosta di fare la morale agli altri.

Un vero scandalo ! Quanto ci vorrà perche chi può e deve , s’impegni veramente e non solo a chiacchiere per cambiare le cose. Nell’ultimo quadriennio abbiamo avuto arbitri italiani sospesi e squalificati ( vero?) per presunte malefatte internazionali. In un caso addirittura il “colpevole ” non era nemmeno presente nel match per cui era accusato !. Come si poteva dubitare se le accuse venivano da alti esempi di “ onesta’ umana ” e di “ rettitudine ” rappresentati dall’ottomano e dal professor Abjev ? E come dimenticare lo zelante “ interesse ” di qualche nostro “ compatriota ” , pronto a vedere “ scheletri” negli armadi, laddove non c’era nemmeno… gli armadi. Eliminati dunque i presunti “ cattivi”, la corruzione e’ proseguita ed è aumentata ! Forse ci dovremmo fare “ tutti” , ma proprio “ tutti” un piccolo esamino di coscienza ( …stiamo pretendendo troppo, vero? ).

Invece continuiamo a “rendere onore ” agli … “addetti ai favori ”. Ma come al solito chiacchieriamo a vanvera , perché noi di boxe…non capiamo nulla!









 


 

 
 
Megathai online
Iscriviti nella piu' grande comunita' di sport da contatto!
Iscriviti sms >
Iscriviti e-mail>

Articoli storici


 

 

 

© Copyright Megathai 2005