CONGRATULAZIONI by Gm

Conclusione migliore non poteva esserci per la 2ª edizione del "Trofeo Città di Cremona" confortata dalla presenza del presidente federale Franco Falcinelli e del dt della squadra nazionale Nazzareno Mela dai quali sono venute parole d'elogio per l'organizzazione, la conferma e la volontà di portare l'idea di questa manifestazione in altre parti d'Italia e l'assicurazione per il prossimo anno, dell'appoggio incondizionato della F.P.I.

Anche i risultati sono stati confortanti e per l'ABC che aveva dovuto rincunciare alla presenza di Marchetti, Curcetti e Avosani e aveva malamente perduto per strada Di Marzo, l'aver ottenuto due vittorie in finale con il bravissimo Dumitru e con la rinata Simona Locatelli è un risultato d'assoluto prestigio.

Non sono mancati spunti tecnici notevoli e si sono registrate alcune sorprese, soprattutto nei piuma e nei leggeri e si son visti parecchi ragazzi interessanti. Il tecnico Mela avrà certamente segnato qualche nome sul suo taccuino in vista dei prossimi raduni della nazionale.

Neppure sono mancate alcune defezioni: sono venuti a mancare i due rappresentanti della All Boxing di Torino Daniele Limone e Alessio Palma, ma se l'assenza del primo è largamente giustificata da un infortunio ad un piede, quella del secondo lascia perplessi perché il ragazzo si è ferito in un match di thaiboxe la sera precedente ed ha avvertito telefonicamente gli organizzatori solo alle due di notte. Una infrazione gravissima quella commessa dal piemontese che, se non gli fosse accaduto nulla, avrebbe probabilmente combattuto infrangendo tutti i regolamenti che impongono un certo lasso di tempo tra un incontro e l'altro anche se si tratta di discipline differenti. Probabilmete andrà incontro ad una pesante squalifica.

Si diceva delle sorprese.

La prima, nei piuma, con Di Savino, secondo campione italiano, battuto dall'albanese Swat Laze. Verdetto ampiamente contestato dai secondi del romano, evanescente pur se dotato di ottima classe, sfuggente pur se capace di ottimi colpi d'incontro, mai dentro l'atmosfera del match a differenza del piccolo albanese che ha continuamente alimentato la contesa, ha attaccato assumendone tutti i rischi, ha incassato la sua parte e sparato nel finale colpi pericolosi. Il match era indubbiamente finito su un piano di sostanziale equilibrio e la giuria, forse non a torto, ha voluto premiare chi la vittoreia ha cercato con maggiore intensità e coraggio. La boxe sparagnina, anche se bella, di Di savino, stavolta non ha pagato.

Sorpresa anche nei leggeri con Elia che l'ha spuntata su Pagliara il quale non è riuscito a ripetere il risultato dello scorso anno, irretito dalla guardia mancina di Elia dal timore dei colpi d'incontro.

Franco Falcinelli premia il presidente dell'ABC Manrico Bottoni
Nei welter Marjinkovic ha ribadito il suo ottimo stato di forma battendo e strapazzando Bel Harby a conferma di quanto di buono aveva fatto vedere contro i pericolosi Cossu e Marasco, certo migliori di Bel Harby e dunque meritato e faticato il suo successo finale. Nei medi Signani ha battuto senza strafare il compagno di colori Matteo Rossi mentre nei mediomassimi l'eredità di Cristian Marchetti è stata raccolta dal veneto Mazzoni, l'unico che, con Simona Locatelli, ha ribadito il successo dello scorso anno (ma nel 2004 aveva vinto da peso medio). Infine, due belle battaglie tra i colossi. Dreoni ha superato Madras, ma è quest'ultimo la bella realtà del torneo. Giovane e dotato, l'allievo di Zennoni può andare lontano, solo che continui su questa strada con tenacia e caparbietà. Nei supermassimi, un match che era quasi la fotocopia di quello d'apertura con Jaffulli che attaccava a tutto spiano e Panighello a coprirsi la fuga con un buon jab, preciso ma di nessuna sostanza. Tre riprese a rincorrere e finalmente quando la stanchezza s'è fatta sentire nelle gambe il veneto ha dovuto fermarsi e subire qualche cazzotto pesante. A siglare il successo di Jaffulli anche un richiamo ufficiale.Alla Boxe Biagini di Rimini è andato l'ambito trofeo destinato alla miglior società. Al Comitato Regionale Emiliano quello destinato alla miglior regione

Così le finali:

Pesi gallo: Ferramosca (Pug. Pratese) b. Limone (A.B. Torino) WO

Pesi piuma:Swat (Albania-Boxe Robbiate) b. Di savino ( Boxe Ostiense) ai punti

Pesi leggeri:

Elia ( P. Pratese) b. Pagliara (B. Cecina) ai punti
Pesi welter:

Marjnkovic (Macedonia - Salus Piacenza) b. Bel Harby (Tunisia-Vita Verona)
Pesi superwelter:

Vuka (Albania B. Modena) b Palma (Orbassano) WO
Pesi medi:

Signani (Biagini Rimini) b. Rossi (Biagini Rimini) ai p.
Simona Locatelli, con la cintura e Rossella Moscatelli felicitate dalle colleghe Elena Moreschi e Milena Tronto

Pesi mediomassimi: Mazzoni (B. Legnago) b. Salim (B. Mugello) ai p.

Pesi massimi: Dreoni ( B. Mugello) b. Madras (B. Parma) ai p.

Pesi supermassimi: J affulli (B. Colorno) b. Panighello (B. San Donà) ai p.

Juniores:

Pesi welter Dumitru (Romania ABC) b. Musicò (BSA Pavia) ai p. Donne:Locatelli (ABC) b Moscatelli (Pug. Carrarese) RSCI 2


Vuoi sapere quando questo autore pubblicherà nuovi articoli, tramite sms iscriviti!o tramite e-mail iscriviti!

Copyright © 2001-2009MEGATHAI Tutti i diritti riservati.