World Meeting WMC IFMA by DC

Apertura con sua Eccellenza Chetta Tanajaro, ministro della difesa thailandese e presidente del WMC che porgeva i saluti da parte delle Autorità Thailandesi presenti tra cui il Governatore dello sport tailandese Dr. Santiparb Tejavanja il quale confermava il pieno appoggio al WMC e IFMA, uniche sigle riconosciute dal Governo Tailandese e autorizzate a promuovere lo sport della muay thai nel mondo mettendo fine al susseguirsi di nomi e nuove sigle inesistenti per il Ministero dello Sport tailandese.

Si continuava con l’annuale riassunto delle attività svolte dalle varie nazioni, oltre 110 affiliate, con attività professionistiche svolte nei vari continenti tra le quali spiccavano L’Australia e le Filippine per il maggior numero di eventi organizzati.

A seguire si svolgevano le elezioni della Costituente e del Presidente del WMC.

All’unanimità veniva eletto il Generale Chetta Tanajaro, Ministro della Difesa tailandese.

Veniva anche presentata la nuova rivista edita dal WMC IFMA che riporterà per tutti i continenti affiliati le varie attività svolte nelle proprie nazioni e pubblicizzati tutti gli avvenimenti più importanti, non ultimo la presenza di un Ranking mondiale professionistico dove attingere atleti per i vari campionato mondiali.

11 Giugno - World Meeting WMC IFMA

Seconda giornata di Convegno ed anche quello più interessante a livello esplicativo in quanto al contrario del WMC, la IFMA ha solo un rappresentante per nazione da Costituente.

Si doveva risolvere anche l’annoso problema dell’unificazione con la IMTF in una sola federazione denominata WMF. Prendeva quindi la parola il presidente IFMA Dr. Sakchye Tapsuwan che ricordava come ci si fosse veramente molto impegnati per l’unificazione di queste due sigle, accordi che già stipulati e sottoscritti non venivano mantenuti dalla IMTF in quanto organizzarono per conto proprio, senza avvisare nessuno, una riunione che si dice essere stata anche autorizzata dalla IFMA, fatto assolutamente inveritiero e dando così cariche senza interpellare la parte dei membri IFMA.

Visto la poca serietà della cosa che all’inizio era stata proprio creata per unificare le due sigle e vista la poca propensione nel collaborare, IFMA decideva di presentarsi al Ministero dello Sport tailandese da sola e al GAISF (l’associazione generale delle federazioni internazionali dello Sport).

Fermo restando che WMF esiste, ma non ha nessun riconoscimento statale o governativo tailandese in quanto sarà la IFMA e i propri membri a rappresentare la Muay Thai ai prossimi Asian Games con l’autorizzazione da parte dell’OCA (Olympic Council of Asia) che dà totale controllo all’IFMA per la gestione della muay thai all’interno dei Giochi Asiatici.

Si è poi passati alla presentazione dei prossimi mondiali che si svolgeranno dal 5 al 13 Novembre al MALL BANGAPY di Bangkok, e dove il sottoscritto porterà la nazionale italiana in quanto unico riconosciuto IFMA e dove parteciperanno uomini nella cat. Junior, Senior, Classe A e B e donne nelal sola Classe A.

Quest’anno non ci saranno solo i mondiali ma una festa della muay thai con tutte le sue varie forme della Muay Boran, Krabi Krabong, Aerobics Muay Thai, oltre ai vari corsi giudici arbitri allenatori delle varie discipline tenuti dai tecnici tailandesi e riconosciute dal governo nazionale . Ci saranno oltre 70 nazioni.

A seguire della riunione Continental Workshop dove i rappresentanti per ogni nazione si sono riuniti per discutere dei problemi delle proprie nazioni e per organizzare eventuali gare. Jacques Mairesse a tale proposito comunicava la propria candidatura per organizzare i mondiali 2006 in Francia e per indire la riunione della federazione europea EMF per l’11 e 12 Settembre a Basilea.

A fine riunione si partiva per il MALL Bangkapy perché nella serata avranno lugo degli incontri per 2 titoli mondiali WMC dove un atleta inglese Ingram se la vedeva con il coriaceo tailandese Cia-Ciai il quale vinceva meritatamente il titolo WMC 122 Lbs e dove nel secondo il sudafricano Barrel se la vedeva con il forte ucraino Vuvaci che vinceva ai punti dopo un duro scambio di colpi e gomitate.

A seguire 4 stupendi incontri femminili che vedevano opposte atlete thai.

12 Giugno - World Meeting WMC IFMA

Terzo ed ultimo giorno dedicato al MAD (Muay Thai Againts Drugs) del quale il sottoscritto è membro ufficiale. Apriva il meeting sua Eccellenza Generale Pichitr Kullavanijaya, consigliere privato di Sua Maestà il Re di Thailandia, il quale è fondatore di questo grande progetto che vede la muay thai combattere la Droga e con i proventi di varie competizioni aiutare nelle varie nazioni più bisognose i bambini ad uscire da questo grande problema.

Proprio per questo ci siamo attivati con il coordinatore nazionale Massimiliano Amantini per promuovere un grande evento sotto questo grande simbolo prossimamente anche nella regione Liguria.

E’ stato presentato poi il grande Festival WORLD CUP 2004 che si terrà a Bangkok dal 5 al 13 Novembre; tutto il ricavato andrà a finanziare questo grande progetto per dare a questi bambini una nuova possibilità di vita.

Muay Thai Against Drugs ha già visto in prima linea paesi quali Filippine, Nigeria, Brasile, Stati Uniti, Nuova Zelanda, Australia, Sud Africa. Motto Principale “do sport, not drugs”.

Per concludere anche quest’anno il meeting ha avuto un gran successo e ha voluto chiarire dove ce ne fosse ancora bisogno la volontà di unire tutte le forza della muay thai nel mondo attraverso piccoli passi. Ci stiamo avvicinando al grande sogno che è anche avere la muay thai alle Olimpiadi per far conoscere questa grande arte marziale e far capire quanto sia importante il lavoro che stiamo facendo.

One World One Muay Thai.

Vuoi sapere quando questo autore pubblicherà nuovi articoli, tramite sms iscriviti!o tramite e-mail iscriviti!

utenti connessi in questa pagina:

Copyright © 2001-2009MEGATHAI Tutti i diritti riservati.