Una storia a lieto fine by Rinaldo Rinaldi

PERICOLO SCAMPATO!

Il popolarissimo campione Andrea Ronchi è stato vittima di un incidente automobilistico che gli ha fatto rischiare la vita. Grazie alla sua forte tempra si è ripreso e medita addirittura di ritornare sul ring…


di Rinaldo Rinaldi

La notizia nella sua gravità ci ha colpiti tutti come un fulmine a ciel sereno e, in breve tempo, ha fatto il giro di tutti gli appassionati. Andrea Ronchi, il fortissimo e plurititolato atleta riminese, è rimasto vittima di un grave incidente automobilistico che gli ha messo a repentaglio la vita. Stava ritornando a casa a notte fonda, al termine del suo turno di lavoro come guardia giurata, quando la sua auto, completamente priva di controllo, si è schiantata contro un palo. Non è chiaro se sia stato un colpo di sonno dovuto a stanchezza, un malore o un guasto meccanico, fatto sta che il terribile impatto ha provocato numerose e gravi lesioni su tutto il corpo di Andrea, il quale è rimasto a lungo ricoverato in ospedale con prognosi riservata. Per fortuna, grazie alla sua forte tempra, è riuscito a superare perfettamente i diversi interventi chirurgici resisi necessari e, pian piano, ha iniziato a riprendersi fino ad essere dimesso dall'ospedale e poter continuare le varie terapie a casa.
"E' stata un'esperienza terribile", afferma Andrea, "e non la auguro di certo a nessuno. Tuttavia mi ha insegnato molte cose, in particolare a prendere la vita con maggiore filosofia e distacco. A volte ci arrabbiamo per delle sciocchezze e sciupiamo i momenti più belli che poi non torneranno più. Quello che mi ha commosso maggiormente in tutta la vicenda è la grande prova di amicizia di tantissime persone che mi hanno scritto, telefonato o mi hanno fatto visita. Non credevo veramente di avere così tanti amici!".


Anche noi siamo stati felici per l'esito positivo di questa brutta storia ed è stato bello rivedere il nostro Andrea, già interprete di innumerevoli battaglie, fare il coach ai suoi forti compagni di scuderia come Fabio Corelli e Michele Sanchi.
Già detentore della cintura mondiale pro in tutte le più prestigiose sigle internazionali, Ronchi ha un record impressionante con oltre 140 combattimenti all'attivo ed è uno dei pochissimi ad avere incontrato a Tokyo il n°1 della All Japan Kickboxing Federation, Satoshi Kobayashi.
La sua tempra di guerriero non si è affatto incrinata, anzi, come egli stesso ci ha rivelato, "non è detto che non ritorni sul ring! Di giorno in giorno mi sento sempre più in forma ed il quadrato mi manca moltissimo….".
Non ci resta che fare tantissimi auguri al simpatico e bravo campione, con la speranza di rivederlo al più presto in azione, magari con una nuova cintura!

Vuoi sapere quando questo autore pubblicherà nuovi articoli, tramite sms iscriviti!o tramite e-mail iscriviti!

utenti connessi in questa pagina:

Copyright © 2001-2009MEGATHAI Tutti i diritti riservati.