Ladri! by Gm


Quando dispiace a volte, essere facili profeti! Era impensabile che l'ottomano ritornasse in patria a mani vuote come a Sydney e così è stato. Allora, dovette scrivere ben 10 paginette di relazione per "giustificare" il "fallimento" della spedizione turca al suo ministro dello sport (troppo preso com'era a "fregare" l'americano Baker non si accorse che intanto avevano fregato pure lui…). Questa volta non ha voluto rischiare. Aveva due uomini da "mandare" in semifinale, il minimosca ed il mediomassimo.


Avesse combattuto prima Taharan , Pinto, avrebbe avuto un match "pulito". Purtroppo il "programma" non lo prevedeva e siamo qui ad indignarci per l'ennesimo scandalo. Quello che accade sul ring dai "quarti" in poi, ma in qualche caso anche prima, è solo un… optional. Il vero "torneo", si svolge nelle stanze degli alberghi degli arbitri, dove arrivano "le dritte" dal Palazzo! Per i kazaki ad esempio, c'è sempre un occhio di …riguardo. D'altronde sono impagabili con quelle loro facce gentili e sorridenti e poi… sanno come renderti piacevole la …" notte ". Ed eccoti "sistemato" pure Valentino, tanto gli italiani hanno già "dentro" Cammarelle. Qualcuno ci ha chiesto come si combatte tutto questo? Non scendendo mai a compromessi ed usando una materia rara… l'intelligenza! Se il sistema lo lasciamo "intatto" e pensiamo di servircene anche noi, ci "sporchiamo" inutilmente! Ormai è diventata quasi una lotta di religione, con i mussulmani che hanno preso in mano il potere mondiale ed anche quello europeo (non dimenticate che Abijev, presidente degli arbitri europei , è anche lui mussulmano.). Sorprende anche lo sfogo del nostrano "presidente degli arbitri" che si scaglia sulle pagine dei giornali contro la sua categoria. Non vorremmo sbagliarci ( è difficile…), ma l'arbitro "manigoldo" destinatario della sua ira "olimpica" , operò ai campionati italiani di Marcianise su suo invito … per far vedere agli arbitri italiani (i migliori al mondo!), come si …officiasse. Come dice il proverbio : "errare umanum est , ma perseverare è …ovest". Forse anziché cercare gli scheletri nel "proprio armadio" sarebbe stato opportuno cercare i "cimiteri" che si nascondevano in quelli degli altri! Abbiamo visto arbitri del nostro Paese sottoposti a "processi sommari" e "gogne morali" su semplici indicazioni di quelli che adesso sono diventati degli inaffidabili. Complimenti per esservi svegliati , ma potevate arrivarci prima! Sono mesi che facciamo le Cassandre, ma nessuno ci si fila. Sono mesi che ammoniamo di non fidarsi di certi soggetti. Sono mesi che invitiamo invano alla "riconciliazione". Guardiamoci intorno ogni tanto, siamo diventati 4 gatti e continuiamo a litigare. Occhio per occhio…si diventa tutti ciechi. Adesso ci vuole un segnale forte! Via i fomentatori di discordie e di divisioni! Via i millantatori e gli imbonitori da quattro soldi. Se vogliamo bene a questo sport è il momento di dimostrarlo! Rimbocchiamoci tutti le mani, mettiamo da parte odi, rancori personali, torti subiti e fatti, riponiamo ambizioni mal riposte e diamoci da fare, perché la situazione non è seria…è grave! Solo uniti possiamo vincere. Noi e la Francia, malgrado avessimo atleti validi ( e quando hanno potuto l'hanno dimostrato…), torniamo a casa con le "ossa rotte" e la "fiducia a pezzi". Invertiamo la rotta e facciamoci promotori di un movimento per la "pulizia in questo sport".
Facciamo le battaglie con i fatti e non solo a parole. Gli uomini per "riuscire nell'impresa" ci sono e si riconoscono dal marchio indelebile della loro "passione". Ragazzi e tecnici sono le vere "vittime" di questa assurda situazione, ma è proprio da loro che deve partire l'impulso per fare pulizia in questo ambiente. Pretendere che in certi posti ci siano delle persone competenti, deve essere un'esigenza inderogabile. Chi è competente è anche pulito!


Sono solo i mediocri che hanno bisogno di intorbidire le acque e di seminare zizzania, altrimenti non riuscirebbero mai ad "emergere". Avevamo 4 pugili approdati ai "quarti" ed era un'impresa molto positiva, poi è cominciata la "spartizione" ed i vasi di coccio in mezzo a quelli di "ferro" si sono frantumati.… il risveglio è stato amaro! Prendiamone atto , "accettiamo" la "sconfitta", ma mi raccomando… impariamo soprattutto la lezione.


nella foto Valentino
Fin qui molto positivo il rendimento ed il cammino degli italiani. A parte la prova non esaltante di Clemente Russo, nella foto qui sotto che comunque si è trovato di fronte un avversario , l'americano Ward, che non perdeva da circa 5 anni e che battendo Makarenko l'ha detta lunga sul suo valore, e la sconfitta di Daniel Betti, maturata contro uno dei migliori pugili della categoria a livello mondiale, il bielorusso Zahev, tutti gli altri si sono portati in zona medaglia. Forse in questa fase ci attendevamo qualcosa di più da Cammarelle, apparso troppo nervoso e "carico" (certe sbracciate non gli appartengono…) che non ha però mostrato l'autorevolezza che ci saremmo aspettati da uno che da circa un anno le "suona" a tutti i più forti del mondo. L'ultimo round con il nigeriano e la tattica messa in atto con l'ukraino, hanno "complicato" quelle che potevano essere due "passeggiate". Ci piace comunque mettere in rilievo , proprio noi che non esitiamo a denunciare le combine, che non ci sono stati regali da parte di nessuno!
L'andamento altalenante del match con Mazhikin, la dice lunga sull'intervento di pseudo "manovratori" o "eminenze grigie". Il match l'ha vinto, pur tra mille difficoltà che in parte si è dato da solo, il ragazzo, con la sua tenacia ed il suo orgoglio.
Discorso diverso per Valentino, che seppur baciato dalla dea fortuna nel sorteggio, non ha preso sottogamba l'impegno e nei "quarti", contro uno dei meno dotati del team kazako (si fa per dire…) Yeleyov, avrebbe potuto centrare l'obiettivo medaglia,se non fossero intervenuti i soliti "fattori esterni".
Di Alfonso Pinto ha colpito soprattutto la sfrontatezza con la quale affrontava gli avversari, senza alcuna sorta di timore reverenziale, ha avuto la sfortuna (che noi avevamo intuito in fase di sorteggio …) di trovarsi sulla strada un turco e ne ha accusato la indubbia "potenza politica" . Infine, Michele Di Rocco, dopo aver superato due turni, battendo quel Lopez di cui sentiremo parlare molto da professionista, si è arreso alle indiscusse qualità del rumeno Ionut Gheorghe, un pugile di assoluto livello mondiale.


Per finire, al di là dell'amarezza, vogliamo ricordare alcune "perle" dei nostri ragazzi in questa prima fase; la seconda ripresa di Di Rocco con il venezuelano Lopez e la terza di Pinto con Carlos Jose Tamara sono due "gemme" da incastonare, punti fermi sui quali costruire qualcosa di molto molto buono.
Forza ragazzi e comunque sia andata,
siete stati eccezionali e siamo fieri di Voi!

GLI ALTRI
Cominciamo con uno scandalo. Quando un campione come Marian Simion, lascia il ring deciso a non farvi più ritorno, per colpa di un verdetto assolutamente ridicolo, allora abbiamo perso un po' tutti. E' stato semplicemente vergognoso, Simion, subito sotto ed ingiustificatamente nel punteggio, ha stravolto il suo modo di combattere, trasformandosi in picchiatore per riuscire a venire a capo di una situazione che lo vedeva soccombere malgrado le decine di colpi che scaricava sul rivale. Dall'altra parte, all'egiziano, bastava appena agitare un mano e qualche volta nemmeno… per vedersi assegnare il punto! Tutto il mondo ha visto quello che 5 ineffabili signori non hanno "voluto" o "potuto" vedere. Non ci sono corrotti senza corruttori e si continua nell'equivoco di prendersela solo con gli arbitri! I rumeni hanno fatto reclamo, i giudici saranno sospesi per qualche turno poi si ricomincia daccapo perché i "mandanti" continuano a stare al loro posto. Tutto è stato fatto per facilitare il compito al kazako Golovkin, che così passerà tranquillamente il turno. Si chiama gioco "turco", in omaggio al "gran maestro" che l'ha inventato. Lui prepara lo "spartito" gli altri "suonano". Il giorno prima si era salvato il russo Tishenko nei confronti dell'azero Imranov. Il russo colpiva a piacimento ma i colpi andavano all'azero! Quando il russo ha capito cosa gli stavano preparando, ha cercato di scrollarsi di dosso l'avversario che lo legava, ma l'arbitro tedesco Dreke (uno dei sei con lo STRONG WARNING) lo ha richiamato ufficialmente per spinte…. Fortuna ha voluto che una ferita di Imranov mettesse le cose a posto. Nel match successivo Tishenko ha affrontato e battuto il campione del mondo….il kazako Jeferov (ecco perché… "doveva" perdere con Imranov!).
Non ha avuto la stessa fortuna il georgiano Izoria che dopo aver "giocato" con l'azero Aslanov, è stato dato sconfitto in modo indecoroso dai soliti "sudditi di Abijev". C'è in particolare un arbitro, se guardate le giurie dei matches ve ne renderete conto facilmente, che ormai potrebbe soggiornare nello "stato di famiglia " del prof. Abijev (presidente degli arbitri europei). Ogni volta che un azero combatte, lui o è arbitro o e in giuria ! Siamo cattivelli e sospettiamo che sappia che sarà Abijev a scegliere gli arbitri per dirigere le finali…vedrete che lui ci sarà!


Gli azeri, godono smaccatamente del fatto che il presidente della loro federazione è anche presidente degli arbitri ( dice Gennarino che nel suo caso c'è un conflitto… d'incompetenza). Hanno usufruito di questo "particolare" vantaggio proprio contro i greci, a cui hanno sottratto due verdetti. I greci, hanno protestato ufficialmente ed hanno ottenuto solo la sospensione, per un paio di giorni, dell'arbitro del match tra l'azero Alekperov ed il greco Kladouchas.
In questo match Alekperov ha fatto i suoi "comodi", mettendo in atto una tattica sfacciatamente ostruzionistica ed è sintomatico che nel match successivo sia stato squalificato (probabilmente per ordini dall'alto…)!
Sempre i greci (compresi gli spettatori…), hanno scatenato il finimondo quando il loro mediomassimo Pavlidis, predestinato alla prima medaglia greca del pugilato, è stato fermato per ferita nel match che lo vedeva chiaramente in vantaggio ai punti su un egiziano. Ne avete abbastanza? Eppure c'è qualcuno che dice che le cose non stavano andando poi tanto male (evidentemente gli conveniva… ). E' l'inganno della statistica, se avete la testa nel forno ed i piedi nel congelatore…mediamente state bene! Intanto entro sei mesi l'AIBA discuterà sull'opportunità di adottare un nuovo sistema di rilevazione dei colpi studiato dai tecnici elettronici della scherma! Si tratta di sensori messi nei guantoni, che manderanno un impulso ad un'unità centrale che avrà il compito di computare i colpi per l'uno o per l'altro, con buona pace dei giudici che dovranno trovarsi un altro…lavoro. La proposta viene portata avanti dal filippino Lopez (segretario della federazione Asiatica…) e viene appoggiata caldamente da parecchi paesi.
Non mi pare però che la scherma abbia risolto i suoi problemi… Noi abbiamo una proposta attuabile in modo immediato che darebbe sicuramente i suoi frutti. RENDERE NOTO LO SCORE DEL MATCH A TUTTI, IN TEMPO REALE !
Infatti ci domandiamo, ma perché un atleta deve ricevere la "sorpresa" finale e non può sapere come sta andando il suo match? Forse potrebbe capovolgere la "frittata" che gli hanno cucinato? Perché un giudice non deve sapere quello che sta "combinando"? Perché il pubblico non deve sapere quello che stanno combinando i singoli giudici? Perché solo chi ha i "santi in paradiso" deve sapere come sta la situazione ed avvantaggiarsene? Uno dei tornei olimpici di qualificazioni più "puliti" che si ricordi, si svolse a Tampere in Finlandia nel 1999.Il pubblico, quando vedeva assegnare un colpo errato o non vedeva assegnare un colpo netto, subissava i giudici con "bordate" di fischi da paura! Sembra incredibile, ma fu un deterrente efficace anche per qualche vecchio incallito "sporcaccione". Visto il successo, gli organizzatori vollero riprovare agli europei del 2000 che si svolsero sempre a Tampere, ma il turco Doganelli (e te pareva…) si oppose. Aarno Laukkanen il finlandese che denunciò la cosa ai media, ne pagò le conseguenze e come nelle brutte favole…i turchi vissero felici e contenti (ma pure gli azeri, i kazaki , gli egiziani, etc.etc.…).
Ma parliamo dei talenti e dei match veri che ogni tanto la disonestà che si "riposa" ci concede di vedere. Adesso tutti ne parlano, ma noi di Megathai avevamo anticipato tutti da due anni (e tra un po' sentirete parlare anche del fratellino di 13 anni che sembra la sua versione in miniatura).


Parliamo dell'inglese-pakistano Amir Khan. Davvero una nella foto tifosi anglo/pachistani al seguito di Khan grande dimostrazione di classe e carattere la sua vittoria sul campione europeo Stilianov, e fa sorridere il pensiero che a Pola sia stato battuto da un georgiano che surclassò 20 giorni dopo! Evidentemente, in quella occasione non doveva andare avanti… Stavolta non ci saranno scherzi, perché è sotto la protezione di Chowdry , pakistano anche lui… Impressionante anche l'americano Dirrell, che ha un'esplosività nei colpi eccezionale. Buoni quasi tutti i cubani, a parte il supermassimo, che però sembrano usufruire di una certa reverenza psicologica da parte dei giudici. Solite conferme dei russi e di alcuni rumeni. Gran bel pugile anche il giovane tedesco peso piuma Vitalj Tajbert, che ha battuto in modo chiaro il francese Djelkhir (un osso duro) ed il forte cubano Franco. L'Africa non ha mostrato granchè, al di là del grande coraggio di qualche singolo. Curioso il cammino del camerunese Ndam Njikam che ha vinto due match allo… spareggio (con il dominicano Ubaldo e l'irlandese Andy Lee). Non ci lasciamo impressionare dalle medaglie di bronzo dell'Egitto (che non aveva mai vinto nulla in precedenza…), ritenendole frutto del "peso politico" del dott. Osman, presidente degli arbitri mondiali, come non ci hanno mai convinto quelle…bulgare. Sorprendente la sconfitta del campione mondiale dei superleggeri Willy Blain (che passerà professionista…), che dopo aver battuto il carro armato russo Maletin, si è fatto superare dal tailandese Manus Boonjummong (da non confondere con il fratello Manon). Caraibici e sudamericani sono chiaramente a disagio per la loro impostazione professionistica, non è un caso che alcuni di loro saranno protagonisti tra i prize-fighters. Non sono mancati i presunti "furbi" che come l'iraniano Salman Karimi (peso welter) si beccano due anni di sospensione per doping e speriamo che la lezione serva a qualcosa. Gli iraniani non sono nuovi a queste situazioni ed anche 4 anni fa a Sydney caddero nello stesso vizietto. Intanto tutti osservano Saitov che dopo un primo match pieno di perplessità si è candidato all'oro battendo bene l'uzbeko Sherzod Usanov. Dimenticavamo, il namibiano Joseph Termia, chiamato all'ultimo momento per sostituire il keniano Bilali infortunatosi, ha vinto due matches ed è nei quarti! Piuttosto maluccio i francesi, che perso Blain, si aggrappano al solo Jerome Thomas . Da sottolineare l'avanzata cinese, che vede il minimosca Zou Shiming ed il mediomassimo Yuping Lei uomini da possibile medaglia; vedrete che tra quattro anni,a casa loro… saranno sicure. Yuping Lei, ha battuto tra gli altri l'ex bronzo olimpico Fedchuk. Da sottolineare l'impresa compiuta dall'americano Ward nei mediomassimi, che ha battuto il russo Alexeev (1,98 d'altezza). Ward che è un peso medio ingrassato ed solito leggere un passo della Bibbia prima di ogni match, aveva scelto per questa circostanza la storia di David e Golia…gli ha portato fortuna!
Anche se controvoglia vi diamo qualche piccola notizia dal mondo dei professionisti.
E' proprio un brutto momento per gli imbattuti! A St. Paul nel Minnesota, il "predatore" , il superwelter Matt Vanda, è stato sconfitto per kot all'8° round da Armando Velardez detto "el gallo nero". Vanda che ha 25 anni, ha subito la prima sconfitta dopo 31 vittorie. Velardez, che si è mostrato più potente, dopo averlo messo in difficoltà nel 7° round gli ha inflitto due knock down nell'8°, obbligando l'arbitro ad interrompere il match. Nei pesi piuma, il promettente irlandese Bernard Dunne, ormai stabilitosi in America, ha sconfitto nettamente ai punti in 10 rounds il messicano Adrian Valdez. Dunne che ha 24 anni , da dilettante per i soliti "giochi", mancò la qualificazione olimpica per Sydney. Si sta rifacendo da prof collezionando 14^ vittorie senza sconfitte. Nei superpiuma, Jason Litzau,che è stato un ottimo dilettante, ha battuto per kot al 5° round Jesus Perez, ottenendo l'11° successo prima del limite su 11 matches.
A Buenos Aires, dopo la sconfitta nel mondiale WBO, è tornato sul ring Hugo HernanGaray, peso mediomassimo, che ha battuto il connazionale Nestor Fabio Casanova per ko al 1° round. Garay ha 23 anni ed un record di 21 vittorie ed una sola sconfitta, rimediata nel mondiale con l'ungherese Zsolt Erdei (uno dei giudici aveva il pari…). A sottolineare l'importanza di una buona attività da juniores, ricordiamo che Garay fu uno dei giovani argentini (con Ceferino Labarda, Sergio Priotti…) che parteciparono ai mondiali juniores di Buenos Aires. Alcuni presero parte alle Olimpiadi di Sydney ed ora rappresentano le speranze del professionismo pampero.In un altro match, riposti i sogni di partecipazione olimpica, il fratello dell'ex campione del mondo Pablo Chacon, Javier Nicolas ha battuto il connazionale Pablo Ruben Acosta ai punti in 4 rounds, conseguendo il secondo successo da professionista.
Ad Albuquerque nel Nuovo Messico, il campione del mondo in carica dei pesi piuma della WBC, Oscar Larios, ha battuto, senza titolo in palio, il colombiano Ivan Alvarez, ai punti in 10 rounds. Il successo di Larios (23 anni, 53+,3-,1=) è stato nettissimo ed il colombiano ha dovuto subire anche un atterramento nell'8° round.
Ad Houston, serata imperniata su giovani pesi massimi! Il clou era retto da Malcom Tann, ex campione nazionale dilettanti , che ha battuto Andrei Greeley per kot al 2° round. Tann che ha 26 anni ed è alto 1,95, ha un record di 12 vittorie ed una sola sconfitta. Negli altri match, Travis Walker, ha vinto il 2° match da prof, battendo per kot al 4° round Royphy Soileau mentre Doug Robinson e Yull Whiterspoon, hanno battuto ai punti in 4 rounds rispettivamente Mike Julien e Roberto Flores.

A Chester, il promettente peso superpiuma Verquan Kimbrough, ha colto il nono successo, battendo nettamente ai punti il connazionale Chris Burford. Kimbrough nel 2002 è stato campione dilettanti USA nei pesi piuma.
Malgrado la difficile situazione che si vive in quei posti, anche a Gerusalemme si è combattuto, ma nell'unico modo che ci piace …con i guantoni di boxe. Il peso welter Merhav Mohar, ha battuto Sergey Golovanov, per ko al 3° round. Mohar ha un record di 12 vittorie ed una sola sconfitta!
A Paris nell'Arkansas , si è svolta una riunione da Guinness dei primati! Si sono svolti ben 14 matches professionistici. Voi penserete, chissà quanto è durata? Poco, anzi pochissimo, infatti tutti i matches sono finiti prima del limite. Quello che è durato più di tutti è arrivato alla 3^ ripresa (il peso massimo Marvin Hill che ha battuto Jessie Holtzclow per kot).Tutta la riunione è durata si e no un paio d'ore compresi combattimenti,intervalli e presentazioni. Ben 6 pugili esordivano al professionismo e solo uno di loro ha vinto! Cose americane…
A Grisolia (ma gli hanno addirittura intitolato un paese?) , il peso leggero romano Fedele Belusci, ha battuto ai punti in 6 rounds Giuseppe Cusenza. Belusci dopo un avvio stentato, sta guadagnando posizioni ed anche se l'avversario non era uno da far "tremare i polsi", ha comunque incasellato un altro segno positivo. Per il 29 enne capitolino, 7 vittorie,due pari ed una sconfitta.
Laredo (Texas). Il peso piuma Wes Ferguson, ex nazionale USA , ha battuto Omar Jerrod Ballard, per ko al 3° round. Ferguson ha 18 anni ed un recorde di 7 vittorie.

E per finire…

Due giorni prima dei furti Mariuccio Pescante incontra The President of A.I.B.A..
Ricordate, correva l'anno 1988 a Seul Vincenzo Nardiello venne scippato nel famoso incontro con il Koreano.
Pescante abbraccia, per trattene l'inferocito Nardiello e grida " LADRI", le telecamere riprendono la scena, lo sport italiano e' sdegnato dell'accaduto.
Mario non ha perso l'occasione per ricordare al Prof. Dr. Anwar Chowdhry dell'accaduto ma visto come sono andate le cose… " a Mariu! Ma nun e' che porti sfiga tu!.


Ciao a tutti, alla prossima da

quelli … delle news

 

Vuoi sapere quando questo autore pubblicherà nuovi articoli, tramite sms iscriviti!o tramite e-mail iscriviti!

utenti connessi in questa pagina:

Copyright © 2001-2009MEGATHAI Tutti i diritti riservati.