Speciale Kombatfestival

ALTA TENSIONE!

Pieno successo per la mega-riunione ideata ed organizzata dal M° Marco Costaguta e giunta quest'anno alla sua seconda edizione. Una giornata intera dedicata alle arti marziali ed agli sport da ring. Oltre ottomila le persone del pubblico che hanno assistito entusiaste alla lunga kermesse.


di Rinaldo Rinaldi

Ancora un grande successo per la seconda edizione del Kombatfestival, la grande kermesse di arti marziali e sport da combattimento svoltasi alla Fiera Internazionale di Genova sotto l'attenta regia del vulcanico M° Marco Costaguta, in collaborazione con le società "High Voltage", "Roense", "On Stage", e sotto l'egida della CISCO.
La manifestazione, che sta ormai diventando un appuntamento fisso per tutti gli appassionati del settore, ha coinvolto parecchie centinaia di atleti e circa ottomila persone di pubblico in una grande non-stop che, iniziata alle 8 del mattino con il controllo e la registrazione dei partecipanti ai vari tornei dilettantistici, si è conclusa all'una di notte con uno spettacolare gala professionistico di sport da ring.


"E' stato un lavoro titanico mettere insieme e coordinare così tanti gruppi di persone ma, grazie alla collaborazione di tutti, ci siamo riusciti!", ha commentato il M° Costaguta al termine della lunga maratona. Ed in effetti erano presenti praticamente esponenti di tutte le discipline marziali, dagli stili giapponesi a quelli cinesi, coreani, filippini, fino alla sempre spettacolare e funambolica capoeira brasiliana. Durante tutta la giornata è stato così possibile assistere a dimostrazioni o gare di tutte queste specialità, mentre, in contemporanea sui tre ring fissi, si sono svolti i campionati italiani dilettanti CISCO di full contact, savate e kick-light a squadre.
Malgrado l'intenso movimento di persone sul parterre e sugli spalti dell'enorme e suggestivo impianto sportivo genovese, tutto si è svolto senza particolari intoppi e nel più assoluto rispetto dei tempi. Puntualissimi si è quindi arrivati ad inizio serata ed ovviamente l'attesa era tutta per il gran gala professionistico che, come ormai da tradizione, prometteva scontri al fulmicotone.
Dobbiamo a questo proposito dire che le aspettative non sono certo state deluse, anzi, abbiamo assistito a combattimenti che hanno elettrizzato il pubblico fino alla fine.
Ma passiamo alla cronaca dettagliata dei match in programma.

I COMBATTIMENTI

Sestito vs Lo Bue

Dopo un match di boxe di pregevole fattura fra i due atleti genovesi Ciro Ciano (Celano Boxe) e Matteo Mazza (Tano's Boxe) e dopo il funambolico ed applauditissimo scontro di pro-wrestling fra i due giganti inglesi Flash Barker e Jody Fleish, si è entrati finalmente nel vivo della serata con gli sport da ring.
I primi a salire sul quadrato sono stati Corrado Sestito (Athletic Thai Kickboxing Domodossola del M° Beppe Zambelli), attuale campione mondiale di kickboxing , ed il coraggioso e grintosissimo Giuseppe Lo Bue (Kickboxing Albenga), seguito all'angolo dal M° Saverio Viola e dal suo compagno di scuderia e sparring partner Walter Orrù. Contrariamente alle aspettative di una parte di tifosi che probabilmente consideravano questo match già "scontato" in partenza, vista la notevole differenza di esperienza fra i due atleti, abbiamo assistito ad un combattimento veramente duro e spettacolare, fatto di continui attacchi e rimesse da entrambe le parti. Se da un lato il bravo e corretto Sestito ha pressato l'avversario con precise ed insidiose combinazioni di pugno-calcio, dall'altro il generosissimo Lo Bue, spronato dai suoi sostenitori, non ha mai ceduto psicologicamente neppure nei momenti più critici, giungendo in piedi all'ultimo gong e dando così prova di carattere e coraggio non comuni.

Mancuso vs Pittaluga

Decisamente uno dei match più belli della serata per livello tecnico e spirito competitivo. Abbiamo assistito a degli scambi che in più occasioni hanno strappato l'applauso spontaneo del pubblico entusiasta. Dopo un inizio fortissimo a favore di Pittaluga, Mancuso, seguito all'angolo da Marco Costaguta, si è ripreso ed ha iniziato ad applicare con efficacia i suoi low kicks, ma ciò non è bastato per arginare le precisissime combinazioni pugno-calcio e gli spettacolari spinning-kicks al viso portati con disinvoltura dal pupillo del Maestro Fabio Moretti il quale, nelle ultime due riprese è andato in crescendo progressivo, conquistandosi meritatamente il risultato e quindi anche la cintura di campione italiano pro. Secondo il regolamento sportivo, Mancuso, essendo stato il campione in carica, ha diritto a richiedere la rivincita e siamo certi che potremo assistere ad un altro grande match.

 

Zolli vs Arambasic

In un contesto vario e spettacolare come quello del Kombatfestival, non poteva mancare il free-fighting professionistico con due giganti supermassimi: l'italiano Raffaele Zolli, già presente lo scorso anno e seguito all'angolo dal M° Augusto Baracco, opposto al croato Aleksandr Arambasic (Bora International del M°Ante Vicevic). E' stato un match estremamente duro, a tratti anche violento, come può essere questa specialità di combattimento totale ancora non molto diffusa in Italia ma sicuramente in ascesa. L'atleta croato è partito subito in modo aggressivo e determinato, prendendo l'iniziativa e forse cogliendo di sorpresa il nostro Zolli che non è stato in grado di contrastare con efficacia i pericolosi attacchi di ginocchio al viso ed i micidiali low kicks di Arambasic. Dopo solo 2 minuti e 35 secondi della prima ripresa era evidente che non c'era più nulla da fare per l'italiano ed è stata giusta la decisione dell'arbitro Attanasio di interrompere il match, dopo avere consultato anche il medico di servizio. Molto sportivo in ogni caso Zolli, il quale è stato il primo a complimentarsi con il suo fortissimo avversario, proponendo nel caso anche una rivincita.

Grosso vs Fornes

Primo scontro di savate internazionale fra il bravo ed esperto genovese Federico Grosso (Andrea Doria), seguito dal M° Luigi Ilengo, ed il parigino Ludovic Fornes, atleta veramente pericoloso e dotato di un'efficacia di colpi davvero sorprendente. Sono bastati infatti meno di due minuti al francese per concludere un match che, sebbene cortissimo, ha mostrato un livello tecnico certamente fuori dal comune. Abbiamo visto pugni e calci di ogni tipo e tutti portati con la massima potenza e precisione. Purtroppo nulla da fare per Grosso il quale, fra l'altro, ha riportato anche la frattura del naso. Un augurio meritatissimo per una pronta ripresa.

Katsis vs Brunner

Questo era uno dei match clou della serata, titolo mondiale pro WPKC di kickboxing in palio. I due contendenti erano sicuramente quotati e meritevoli della grande chance: da un lato il nostro Marios Katsis (atleta di origine greca ma da tempo stabilmente trapiantato in Italia e curato dai maestri Andrea Presicce ed Alessandro Centone del New Helios Team Lecce), già campione europeo in carica e reduce dal successo ottenuto a Tokyo contro il campione giapponese Yoshihiro Ambe, e dall'altro l'insidioso outsider ungherese Tihamer Brunner, vincitore a sorpresa prima del limite a Padova contro nientemeno che il popolarissimo Azem Maksutaj!
Purtroppo la sfida fra questi due campioni non è stata così spettacolare come ci si aspettava, ma ciò è dipeso soprattutto dalla tattica ostruzionistica adottata dall'ungherese il quale ha puntualmente vanificato i tentativi di attacco portati a più riprese da Katsis.
Match quindi non certo emozionante, ma comunque terminato con la giusta vittoria del fighter italo-greco che finalmente ha potuto cingere una cintura che da tempo stava inseguendo.

Tasic vs Benhadj

Contrariamente al combattimento precedente, terminato ai punti dopo ben 9 rounds, lo scontro fra il fortissimo e completissimo fuoriclasse francese Yassine Benhadj (del famoso Fi-Meu Team del M° Jean Meliani) ed il giovane ma coraggioso croato Davor Tasic (Bora International del M° Ante Vicevic) è durato una sola ripresa. Tanto è bastato all'ormai popolare Yassine per costringere alla resa l'avversario dopo avergli piazzato alcuni potentissimi middle kicks contro le braccia, alla maniera dei grandi campioni thai. Ormai per l'asso francese è arrivato il momento di una grande chance: battersi per il titolo mondiale pro!

Maffi vs Fall-Telemaque

Fortunatamente il secondo confronto Italia-Francia di savate è stato più equilibrato e, al termine delle canoniche cinque riprese, ha visto la preferenza ai punti per il nostro Marco Maffi (seguito dal M° Saverio Viola) che si è imposto sul pur validissimo francese Djibrine Fall-Telemaque (che all'angolo aveva Venceslace Sylla, figlio del leggendario Richard ed anch'egli promettente atleta). Valida esperienza per Maffi che, in questa circostanza, ha mostrato un netto miglioramento tecnico e, soprattutto, maturazione psicologica.

Zerbini vs Hrsum

Notevole attesa per questo combattimento, data la fama di "picchiatore" del croato naturalizzato francese Milan Hrsum (Fi-Meu Team Parigi). Avversario quindi molto impegnativo per il bravissimo Cico Zerbini (recentemente entrato nella ricca colonia del M° Marco Franza), il quale comunque ha mostrato ancora una volta la sua tecnica ed il suo temperamento, rispondendo colpo su colpo e per nulla intimorito dalla fama sinistra dell'avversario.
Dopo alcuni durissimi scambi nella seconda ripresa, Hrsum sanguinava abbondantemente dal naso ed il medico ha giustamente sospeso l'incontro per ferita. Sarebbe in ogni caso molto interessante una rivincita.

Medelin vs Sissoko

Si arrivava così al vero momento clou della serata con l'attesissima sfida fra due campioni titolati: Antonio Medelin (anch'egli appartenente alla colonia del M° Marco Franza) ed il fuoriclasse assoluto Moussa Sissoko (Fi-Meu Team Parigi), decisamente uno dei più forti thai boxer nella categoria 80 kg, forse il più forte attualmente in attività!
Dobbiamo riconoscere a Medelin sicuramente grande coraggio e spirito sportivo per avere accettato di combattere nella sua città contro un avversario del genere. Non so quanti altri "campioni" avrebbero avuto il fegato di affrontare una simile prova! Ed Antonio è partito molto bene, senza mostrare alcuna soggezione psicologica. Ma l'abilità di Sissoko è veramente unica e, round dopo round, il fuoriclasse francese ha iniziato ad intensificare i propri attacchi, sia di pugno sia di calcio e ginocchio, minando così la resistenza di Medelin. Al quarto round l'epilogo con un micidiale middle kick alle costole che ha piegato il coraggioso fighter genovese, ormai privo della forza per poter continuare un match per lui decisamente in salita.
Applausi più che meritati quindi a Sissoko, nuovo campione mondiale WMTA, ma anche ad Antonio Medelin, esempio di atleta serio ed onesto.

Si chiudeva così una grandissima giornata dedicata alle arti marziali ed agli sport da combattimento, con un supergala che ha mantenuto tutto il pubblico inchiodato alla sedia fino all'una di notte! Manifestazione quindi pienamente riuscita.
Vedremo cosa ci riserverà a questo punto il Kombatfestival 3!

I RISULTATI DELLA SERATA (da inserire in un box)

Corrado Sestito (Athletic TK Domodossola) vs Giuseppe Lo Bue (KB Albenga)
Kickboxing- Prestige fight - Kg 61,500 - 5x2
Risultato: Vince ai punti Sestito

Mirko Mancuso (High Voltage Genova) vs Matteo Pittaluga (New Fighter Team Moretti)
Kickboxing - Titolo Italiano Pro - Kg 67 - 7x2
Risultato: Vince ai punti Pittaluga

Raffaele Zolli (Power Fighting Benevento) vs Aleksander Arambasic (Croazia)
Free-fighting - Prestige fight - Kg +95 - 2x5
Risultato: Vince Arambasic per arresto del combattimento al 1° round

Federico Grosso (Andrea Doria Genova) vs Ludovic Fornes (Francia)
Savate - Prestige fight - Kg 66 - 5x2
Risultato: Vince Fornes per KOT al 1° round

Marios Katsis (New Helios Team Lecce) vs Tihamer Brunner (Ungheria)
Kickboxing - Titolo Mondiale professionisti WPKC - Kg 90 - 9x2
Risultato: Vince ai punti Katsis

Davor Tasic (Croazia) vs Yassine Benhadj (Francia)
Thai Boxing - Prestige fight - Kg 70 - 5x3
Risultato: Vince Benhadj per infortunio alla fine del 1° round

Marco Maffi (Kickboxing Savona) vs Djibrine Fall-Telemaque (Francia)
Savate - Prestige fight - Kg 74 - 5x2
Risultato: Vince ai punti Maffi

Cico Zerbini (Vertical-Dojo Miura) vs Milan Hrsum (Francia)
Kickboxing - Prestige fight - Kg 79 - 5x2
Risultato: Vince Zerbini per ferita al 2° round

Antonio Medelin (Dojo Miura)vs Moussa Sissoko (Francia)
Thai Boxing - Titolo Mondiale Professionisti WMTA - Kg 83 - 5x3
Risultato: Vince Sissoko per KO al 4° round

Vi ricordo questo particolare evento per info Contattare CISCO


Vogliamo il tuo parere clicca sotto

IMPORTANTISSIMA La tua OPINIONE

Forum

utenti connessi in questa pagina: