K1 : I CAMPIONI by Paolo Boccotti


Finalmente ci siamo, dopo numerose riunioni internazionali ed accordi tra i vari paesi che organizzano in k-1 è stata stilata la lista di atleti definitiva che parteciperanno alla tappa italiana del k-1.

Innanzi tutto partiamo con un nome che fa parte della storia degli sport da combattimento: Paris Vasilikos, fortissimo atleta greco noto al pubblico italiano per aver incontrato a Milano Ignashov due anni fa e per aver vinto nel 2001 il primo K1 italiano svoltosi a Bologna

Non da meno il temibile Ungherese Peter "Tyson" Varga, secondo classificato alla edizione passata, che avendo perso in finale lo scorso anno da "Drago"Vondracek non vuole perdere un'altra occasione per la scalata alla finale al Tokio Dome nel prossimo Dicembre.

Da una palestra mitica, il Vos Gym di Amsterdam, ed allenato da Ernesto Hoost e Ivan Hippolyte sarà di scena Antonin Haardonk, olandese di 105 Kg che promette scintille.
Sempre dall'Ungheria un altro atleta che promette battaglia Tibor Nagy.

Torna a Milano il fortissimo Bielorusso già vincitore a Milano di OKTAGON K1 2001 poi approdato in Australia, Sergei Gur, allenato da Alexei Ignashov nell'ormai celebre Chinuk Gym di Minsk, Gur si sta preparando come non mai per cercare di ripetere l'impresa davanti al pubblico milanese.

Per il sesto atleta non c'è bisogno di alcuna presentazione basta il suo nome: Mark Russel, Campione Mondiale WKA di thaiboxe da Manchester Inghilterra. Non essendoci infatti una tappa in Inghilterra, siamo riusciti ad accaparrarci Russel per il K-1 italiano del 10 Maggio. Certo Mark non avrà vita facile ma la sua esperienza ed indubbia capacità ne fanno uno dei favoriti.

Il settimo atleta deriva dalla selezione italiana del k-1 svoltasi a Bassano del Grappa, il vincitore è stato, il croato Ante Varnica che quindi accede, grazie anche all'accordo con l'organizzatore del k-1 Croato, alla tappa di Milano. Atleta assai coriaceo e combattivo (ha recentemente battuto e spalato il vincitore del K1 Nazionale di Bassano del Grappa 2002 Ionut Iftimoaie, allievo del M° Moroni di Roma, per K.O. con calcio circolare medio) potrebbe essere la vera sorpresa del torneo.

L'ultimo atleta ma non per questo meno forte, viene dalla Repubblica Ceca, Dan Jerling 98 Kg con al suo attivo oltre 30 combattimenti da professionista e solo 4 sconfitte.

Tutti gli atleti saranno ospiti, nei giorni precedenti alla manifestazione, dell'Accademia Europea di Via Melzo n. 9 a Milano, che metterà a disposizione degli sfidanti del k-1 le sue nuovissime attrezzature della Panatta sport studiate appositamente per atleti che necessitano di abbinare potenza e rapidità. Gli atleti potranno quindi acclimatarsi rimanendo in piena forma prima della gara.


IL CAMPIONATO MONDIALE
DI THAIBOXE ISKA


"KING OF THE RING" Jomhod Kiatadisak (vedi riquadro) il Campione Mondiale di Thaiboxe metterà in palio il suo titolo iridato ISKA contro un challenger scelto fra i migliori fighters europei. Trovare un valido "cliente" per Johmod non è stato facile. Si è parlato di Vincent Vielvoyen, l'olandese vincitore di OKTAGON LEGEND 1999, ma un suo calo di rendimento in termini di risultato, hanno raffreddato gli animi.

Poi si è parlato di Rafi, il potente fighter Olandese che vive in Spagna, ma anche Rafi non è sembrato idoneo ad affrontare Johmod, troppo tecnico contro un bulldozer come Johmod, rischiava la fine di Ron Post, Challenger distrutto l'anno scorso.

Si è parlato allora di un bielorusso della scuola di Ignashov, Youri Boulat, ma sia lui che gli altri pretendenti dell'ex URSS non sono sufficientemente noti in Europa per essere valutati. Ma a trarci d'impaccio appariva come per magia, un vecchio amico e grande campione del passato, Fred Royers.

Fred, nonostante sia ormai un affermato conduttore sportivo televisivo per VERONIKA TV e per EUROSPORT (kickboxing, arti marziali e snowboard) h mantenuto viva la passione per le nostre discipline allenando ancora un piccolo team di fighter nel suo club storico: il Kickboxing Arnhem Gym.

Ed è lì che sta muovendo i passi quello che tutti in Olanda definiscono il nuovo Dekker: William Diender.

William ha le caratteristiche che fecero di Dekker la star incontrastata in Thailandia : non arretra mai !

E' un pitbull con al suo attivo un numero impressionante di vittorie per K.O..

Diender non è mai uscito dal suo paese ma in Olanda è imbattuto e nel paese dei tulipani, dei mulini a vento e dei migliori Thaiboxer Europei, questo vuol dire qualcosa…
JOMHOD KIATADISAK

Jomhod attualmente il Thailandese più forte residente in Europa e attivo nella cat. - 70 kg.

Il suo score record parla per lui 222 W, 20 L e 76 K.O.

Attualmente è titolare di 7 Titoli Mondiali di Thaiboxe e 1 di kick.

1986 Campione della Thailandia del Sud cat - 59,60 kg

1989 Campione dello Stadio Lumpini cat - 63,5 kg

1991 Campione Mondiale WMTC di Thaiboxe

1994 Campione dello Stadio Ratchadamnen cat - 67 kg

1996 Difesa vittoriosa del Titolo Mondiale di Thaiboxe contro Ramon Dekker

1998 Campione del Mondo WKA di Thaiboxe cat - 67 kg contro Eval Denton (GB)

1998 Campione del Mondo ISKA di Kick cat - 66,7 kg contro Guillame Caldera (F)

2000 Campione del Mondo WMC di Thaiboxe cat - 69,80 kf contro Luke Kempton (Australia)

2000 Campione del Mondo WPKL di Thaiboxe contro Hassan Kassrioui (Olanda)

2000 Campione del Mondo WKN di Thaiboxe cat - 72,60 kg contro Luarent Beriquet (Belgio)

2001 Campione del Mondo WPKA di Thaiboxe cat - 69,80 kg contro Jerry Morris

2002 Campione del Mondo ISKA di Thaiboxe cat - 69,80 kg contro Ron Post (oOlanda) a Milano
Durante OKTAGON K-1

2003 Campione del Mondo WPKL di Thaiboxe cat - 69,80 kg contro Chris Van Veenroy
(Olanda)


WILLIAM "THE MACHINE" DIENDER

Età 22 anni

Categoria: 70/72 kh
Incontri: 21-8-02-(8 K.O.)- dicembre 2002
Nazionalità. Olandese (padre olandese delle Isole Caraibiche madre colombiana.
Palestra: kickboxing Arnhem
Trainer: Fred Royers

Scheda:

William iniziò ad allenarsi all'età di 16 anni. In tenera età fu allontanato dai genitori per problemi in famiglia, girò vari istituti fino all'età di 16 anni fino a quando i suoi genitori lo accolsero nuovamente.
Nonostante la sua vita sia stata dura, William non si mai scoraggiato, anzi questo lo ha reso più forte e lo ha aiutato a risolvere i problemi della vita.
Guardandosi in giro i suoi amici d'infanzia avevano intrapreso strade pericolose che portavano o alla prigione o alla morte, ma questo non era la vita che lui voleva fare.

Uno dei tanti insegnanti che incontrò nei vari istituti lo introdusse alla boxe thai e dalla kickboxing e fin dal primo momento, era come un pesce nell' acqua!

Dopo le prime lezioni fu mandato alla Muay Thai School di Arnhem vicino all'istituto dove abitava.

Il Trainer Fred Royers immediatamente notò il notevole talento di William: " Aveva una immensa energia e un gran desiderio di combattere e vincere, e nello stesso tempo era chiaro che William non sarebbe stato un allievo facile. Era di carattere scontroso, facilmente irascibile e individualista.

"Dopo, una energica strapazzata" - se capite ciò che intendo - William capì ciò che io volevo dai miei allievi e da allora migliorò " Disse il già campione del mondo Royers.

Oggi William Diender è uno dei + forti giovani atleti della Muay thai Olandese . I suoi pugni combinati, ai suoi potenti high e low kick, il suo incredibile spirito combattivo e la sua enorme stazza fisica lo hanno reso famoso.
Dopo aver combattuto e sconfitto molti dei 10 top Fighter Olandesi nella sua categoria , ora è pronto per un Titolo Mondiale sia nei 70 che nei 72,5 kg.

ITALIA Vs OLANDA

La sfida fra i tulipani e gli alfieri italiani è aperta.

Ultimamente gli italiani hanno vinto la passata sfida contro la rappresentativa olandese della Mejiro Gym di Amsterdam di Andrè Mannaaart e ben figurato contro la nazionale nipponica, quindi il morale è alle stelle.

Ma questa volta la sfida è lanciata dalla rappresentativa dei tulipani WPKL, la federazione leader in Olanda.


LA SQUADRA ITALIANA


I due Campioni Italiani selezionati in Nazionale, con al fianco il commissario tecnico nazionale CISCO Marco Franza, saranno:

Matteo Trevisan
Dojo Miura - Torino
Cat - 63,5 kg

Andrea Ronchi,
proFighter - Rimini
Cat - 63,5 kg


Ad affrontarli gli extraterrestri del pianeta Olanda.

MONDIALE WPKL DI KICK
CAT. - 63.5 KG

Andrea Ronchi (vedi riquadro) affronterà Moustafa Ziani, leader incontrastato della categoria, per il titolo iridato WPKL.

Doppia novità per il pubblico di OKTAGON K1: infatti Ronchi entra a sorpresa nel gala più importante della stagione, a sancire una sua lunga carriera e soprattutto il fatto di aver precedentemente accettato qualunque match, anche senza il necessario preavviso.

A questo si abbina il nuovo sistema di mondiali WPKL che regola la durata degli incontri esattamente come nella boxe thai, cioè: 5 rounds da 3 minuti !!

Esaltante sfida con la prospettiva di vedere un Campione Mondiale Italiano.


TREVISAN, GENIO E SREGOLATEZZA


Matteo Trevisan ha all'attivo oltre 60 incontri, con una impressionante serie di vittorie fra le quali quella nella precedente sfida ITALIA - OLANDA ed una presenza di rilievo nella sfida contro i Giapponesi.

E' atleta a volte intemperante e poco incline alla disciplina arbitrale, ma il suo maestro Marco Franza se ne è fatto garante, per cui le uniche sorprese che attendiamo saranno quelle che ci riserverà l'esito del match contro un avversario molto quotato, anche se non ancora titolato: il thaiboxer Nordine Youri, soprannominato DAM'S KILLER (l'assassino della diga-trad.)

ANDREA RONCHI
La speranza Italiana


Ronchi fece la sua prima apparizione ufficiale ai Campionati Europei dilettanti del WPKL, organizzato da Enrico Nusssbaumer.

Grande evento, organizzato con professionalità e generosità, che vide affermarsi un unico italiano: Andrea Ronchi, che strappò ai tulipani una sudata medaglia di bronzo.

Andrea Ronchiha al suo attivo negli ultimi 2 anni, da quando è passato sotto le cura del pro fighting Rimini di Fabio Corelli (il mitico tempio degli sport del ring del compianto Federico Marchini), una serie di risultati di estrema rilevanza:

Vittoria per K.O. al 1° round contro
Keith Nesbitt (USA)

Vittoria per K.O. 3° Round contro
Ante Sunjiar (Ungheria)

Vittoria per K.O. 1° Round contro
Murad Begadier (Francia)

Vittoria ai punti contro
Rodnic Frane (Croatia)

Vittoria ai punti contro
Il celebre Orrù di Venezia


E infine le sue due migliori prestazioni:

contro Gunther Plank a Vienna
dove si è laureato
Campione Mondiale WKA di Kick
cat - 63,5 kg

e la sua sconfitta:

contro il Thailandese Kampoglek, che pur battendolo
due volte ne ha evidenziato la caratura di
Campione in grado di rivaleggiare contro
i più forti del circuito internazionale.

Andrea Ronchi potrebbe essere l'uomo su cui puntare per tornare a parlare a Milano di speranza italiana, dopo 10 anni dall'ultimo grande interprete milanese della kick italiana: il celebre bomber Michele Araldi.

A Ronchi la parola ad OKTAGON K1 per convincere il pubblico che possiamo ancora sognare.

COS'E' IL K-1 ?

Nato nel 1993 da una idea di Sensei Kazuyoshi Ishii, inventore dello stile seidokan Karate, il K-1 offre l'opportunità ai pesi massimi di tutto il mondo e di ogni stile di combattimento di affrontarsi in un circuito di tornei ad eliminazione diretta in cui il vincitore finale si aggiudica la cifra straordinaria di 500.000 USD.

Ma vincere l'ambito premio finale non è semplice.

Il K1 GRAND PRIX, una sorta di formula 1 delle discipline del ring, è costituita da un circuito di gare che, diviso in tornei nazionali, areali e continentali, macina ad ogni Gala 8 uomini che disputando quarti di finale, semifinale e finale, in una stessa serata, ne elegge uno solo su 8, che di diritto passa la fase successiva, dove incontrerà altri 7 Campioni selezionati in altrettanti K1.

In questo modo ogni nazione organizza le proprie selezioni nazionali o come nel caso dell' Italia sia quelle nazionali che quelle areali.

Nel nostro caso il torneo internazionale di selezione è relativo ai paesi de bacino del mediterraneo.

Prima di Milano il K1 si è svolto in Francia, Brasile, Sud Africa, Svezia, Olanda e dopo Milano proseguirà con le seguenti tappe:

10 Maggio Croazia
15 Maggio Bielorussia
21 Giugno Spagna


6 Dicembre K1 GRAND PRIX
Finali Mondiali : Tokyo (Japan)


IL PROGRAMMA
DEMO TEAM E MUSICAL FORMS

 

Sfida ITALIA Vs OLANDA

Da oggi è On line il nuovo sito di OKTAGON, Campionati Mondiali di KickBoxing e Thai Boxe ed il grande torneo internazionale ad eliminazione diretta K-1 di 8 pesi supermassimi.

WWW.OKTAGON.IT
con tutte le informazioni sulla manifestazione che avrà luogo a Milano Sabato 10 Maggio 2003 alle ore 20.30 al MazdaPalace (ex Palavobis)

 

utenti connessi in questa pagina: